Academy
Settembre 27, 2022

Settembre 27, 2022

Industria

Industria

Professionisti

Professionisti

VERNICI IGNIFUGHE: Definizioni, Classificazioni e Usi

VERNICI IGNIFUGHE: Definizioni, Classificazioni e Usi

PROTEZIONE ANTINCENDIO ATTIVA E PASSIVA

Che si tratti di ambienti ad uso privato o pubblico, quando si tratta di legno e rivestimenti legnosi la protezione dal fuoco diventa di primaria importanza e ogni elemento strutturale deve essere concepito per resistere e ritardare al massimo la propagazione delle fiamme.

Per resistenza al fuoco si intende “l’intervallo di tempo, espresso in minuti di esposizione dell’elemento strutturale ad un incendio, durante il quale l’elemento costruttivo considerato conserva i requisiti progettuali di stabilità meccanica, tenuta ai prodotti della combustione e isolamento termico”.

In generale i sistemi antincendio si suddividono in due macro categorie: le misure di protezione attiva e le misure di protezione passiva.

Fanno parte della protezione antincendio attiva tutti quei dispositivi che svolgono un ruolo attivo nello spegnimento dell’incendio, riducendo le conseguenze dello stesso sia mediante un immediato rilevamento sia attraverso una rapida estinzione del fuoco. La protezione antincendio attiva presuppone perciò che, a seguito della rivelazione di un incendio, ci sia una conseguente azione che provveda ad estinguerlo. Rientrano in questa categoria estintori, idranti, rilevatori di fumo, segnaletiche di sicurezza, illuminazioni di emergenza, etc…

La protezione antincendio passiva consiste invece in un insieme di sistemi di protezione che, nel caso in cui si verificasse un incendio, sono in grado di proteggere e ritardare le fiamme senza richiedere alcuna azione diretta. Rientrano in questa categoria tutti i sistemi di protezione antincendio che generano quindi una resistenza al fuoco, quali barriere antincendio, sistemi di ventilazione, sistemi di aspirazione, etc…

Le vernici ignifughe sono ideate e sviluppate proprio con questa funzione, servono per proteggere le strutture, i rivestimenti e gli arredi dalle fiamme, limitando la combustione del legno e rallentando quanto più possibile la propagazione di incendi e fumo.
Si tratta quindi di importantissimi dispostivi di protezione passiva che hanno la funzione di rallentare l’azione delle fiamme nello spazio e nel tempo, agevolando la messa in salvo di persone e cose. Ogni minuto guadagnato può essere di vitale importanza per salvaguardare le strutture e, ancor più importante, la vita delle persone.

USO E CLASSIFICAZIONI

Data la rilevanza e la criticità dell’argomento è stata definita e legiferata una normativa dedicata che permette una valutazione oggettiva nella capacità o meno di proteggere dagli incendi.

La normativa italiana ai fini della prevenzione incendi è articolata su una scala che va da 0 a 5, dove 0 indica i materiali non combustibili e 5 quelli che partecipano maggiormente alla combustione (riferimenti DM 26/06/84, DM 06/03/92 e DM 03/09/01).
Per sua natura il legno è classificato ai livelli più alti di combustione (classe 4 o 5) e non potrà mai essere classificato in classe 0 come materiale “non combustibile”.
Utilizzando correttamente prodotti ignifughi di qualità e i relativi cicli di applicazione si può però migliorare la classe di combustione delle pavimentazioni in legno. Nel momento in cui le fiamme si propagano, i prodotti vernicianti ignifughi agiscono infatti attraverso la creazione di uno strato protettivo che funge da barriera isolante.

Grazie all’applicazione delle vernici ignifughe Chimiver si possono raggiungere risultati eccezionali, ottenendo superfici e rivestimenti in Classe 1, la migliore classificazione italiana possibile in tema di materiali legnosi.

Per quanto concerne invece la normativa europea i riferimenti sono il Regolamento Europeo 305/2011, il DM 10/03/2005 e il DM 25/10/2007, che normano in tema di classificazione al fuoco degli elementi da costruzione intesi come prodotti fabbricati al fine di essere permanentemente incorporati in opere da costruzione. A riguardo una delle più alte classi è la Euroclasse CflS1.

La normativa italiana impone che le vernici ignifughe siano obbligatorie in caso di luoghi aperti al pubblico quali:

  • scuole e uffici,
  • strutture sanitarie,
  • teatri, cinema, discoteche,
  • chiese e luoghi di culto,
  • stazioni ferroviarie e aeroportuali,
  • negozi e centri commerciali,
  • strutture fieristiche,
  • hotel e strutture a uso ristorazione,
  • palestre e spa.

Naturalmente tutte le superfici ad alto calpestio necessitano di una periodica manutenzione per assicurarsi che la protezione offerta dalle vernici ignifughe sia sempre massima. La frequenza dell’applicazione dipende da diversi fattori e dalla tipologia di struttura pubblica.

LE VERNICI IGNIFUGHE SECONDO CHIMIVER

Chimiver lavora da sempre seguendo due principi imprescindibili: la sicurezza e la qualità. L’azienda ha sviluppato negli anni una gamma di prodotti vernicianti ignifughi che rispondono ai più alti requisiti di sicurezza esaltando al contempo i colori e la bellezza naturale del legno e del parquet.

Le soluzioni di verniciatura ignifughe sviluppate dai laboratori Chimiver includono fondi e finiture (sia all’acqua che a solvente) tra cui spiccano i seguenti prodotti in conformità alla normativa EN13501-1:

  • LED HARD WAX OIL: olio cera a indurimento LED con applicazione mediante spalmatrice.
    Resistenza al fuoco: certificata CflS1 (grammatura totale di 20 g/m²)
  • FINITURA UW S-LED 924: vernice a base acqua a indurimento LED con applicazione a spruzzo o velo.
    Resistenza al fuoco: certificata CflS1 (grammatura totale 140 g/m²)
  • FONDO ACR 214 + FINITURA ACR 771: ciclo bicomponente acrilico non ingiallente con applicazione a spruzzo o velo.
    Resistenza al fuoco: certificata CflS1 (grammatura totale di 200 g/m²)
  • UV OIL ONE 1317: olio a indurimento UV con applicazione mediante spalmatrice.
    Resistenza al fuoco: certificata CflS1 (grammatura totale di 25 g/m²)
  • FINITURA UW SV 617: vernice a base acqua a indurimento UV con applicazione a spruzzo o velo.
    Resistenza al fuoco: certificata CflS1
  • FINITURA AC-FR 411: vernice bicomponente acrilica con applicazione a spruzzo o velo.
    Resistenza al fuoco: certificata BflS1 (grammatura totale 200 g/ m²)
  • ECO V: vernice monocomponente all’acqua a ridotto contenuto di composti organici volatili, adatta a pavimenti in legno ad elevato calpestio.
    Resistenza al fuoco: certificata CflS1 (grammatura totale di 130 g/m²)
  • ECOSTAR RF 15T: vernice bicomponente poliuretanica all’acqua, ignifuga in classe 1 italiana e consigliata per il trattamento di pavimenti in legno. É formulata per rispondere anche ai più elevati standard antiscivolo delle superfici in legno dei centri sportivi.
    Resistenza al fuoco: Certificata Classe 1 italiana (grammatura totale di 240 g/m²)
    Euroclasse CflS1 (grammatura totale di 140 g/m²)

Si può quindi apprezzare come ogni trattamento Chimiver garantisca le più alte resistenze al fuoco assicurando inoltre un’ottima durabilità anche su pavimentazioni soggette a traffico elevato. Continui test sulle materie prime durante la produzione e severi collaudi finali permettono di assicurare la massima sicurezza e qualità per ogni tipologia di prodotto.

Vuoi saperne di più? I nostri esperti sono a tua disposizione per rispondere ad ogni domanda e trovare la migliore soluzione per ogni tua esigenza, non esitare a contattarci per una consulenza.

ASSISTENZA TECNICA

Hai bisogno di assistenza tecnica sui nostri prodotti?

Consulta le nostre FAQ

Vai alle faq

CHIMIVER APP

Brochure, documentazione tecnica, certificazioni e video di supporto per rimanere sempre aggiornati.

NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle novità del mondo Chimiver

    Campi obbligatori *